ADE
“Carthago Delenda Est”

Arrivato come un fulmine a ciel sereno in questo inizio di settembre, “Carthago Delenda Est” dei romani Ade si è da subito imposto alla mia attenzione, guadagnandosi in breve tempo la mia menzione come disco dell’estate 2016. Eppure, nonostante il combo romano sia arrivato già al terzo full length, devo ammettere candidamente di non averne mai sentito parlare prima, ed è solo grazie al loro deal con la spagnola Xtreem Music, che sovente ci manda le sue uscite, che ne son venuto a conoscenza. Beh, d’altronde, essendo romani, e per di più vestiti da antichi romani, con testi e musica totalmente incentrata sulla storia dell’antica Roma, come poter non andare a sentirli? E infatti, sin dal primo ascolto, il gruppo comandato da Fabivs colpisce duro e a fondo con un sound che si pone a metà strada tra il Death americano dei maestri Morbid Angel e Nile ed un utilizzo di ritmiche spezzate ed intricate che mi han ricordato molto quelle dei Decapitated del loro capolavoro “Nihility”. Continua a leggere

ARTICHOKES
“A Wish Is…”

Chissà quale particolare motivo avrà portato questo trio proveniente da Imperia a scegliere come nome della propria band Artichokes, che per chi non masticasse molto l’inglese significa “carciofo”. Essendo romano di nascita, e pontino per adozione, la terra dei carciofi per eccellenza, non potevo non rimanere incuriosito da un gruppo che adottasse tale nome, perciò ho accettato di andare a recensire questo loro debutto “A Wish Is…”. Registrato presso gli “A Secret Underground Lab” di Imperia grazie all’aiuto di Francesco Genduso, gli Artichokes si affacciano sulla scena underground italiana proponendo una loro particolare versione di Post-Rock strumentale, accoppiato ad una vena Alternative Rock, distillata dai sempreverdi Verdena, chiamati direttamente in causa col loro “Solo Un Grande Sasso” e il meraviglioso “Requiem”. Continua a leggere

LIVE REPORT – SONISPHERE 2016
Ippodromo delle Capannelle (Roma) (24/07/2016)

PREMESSA

C’era molta attesa e tanta curiosità per questa nuova calata dei Maiden in quel di Roma, a cui poi è stato costruito attorno il Sonisphere di quest’anno con l’aggiunta di nomi importanti quali Sabaton, Saxon ed Anthrax. L’uscita di “The Book Of Souls” è stato oggetto di numerose discussioni la scorsa estate, nonchè c’era anche la speranza che il nostro Bruce fosse perfettamente ristabilito dopo l’annus horribilis che aveva vissuto per la sua inaspettata malattia. Per questi motivi, all’annuncio della presenza degli Iron Maiden al Rock In Roma non ho saputo dire di no, ed insieme a quattro amici ho prontamente acquistato il biglietto. Difficilmente qui su Hypnos Webzine diamo risalto alle uscite discografiche di gruppi importanti quali i Maiden, però due parole su “The Book Of Souls” vorrei spenderle. Premetto, che dalla reunion con Bruce, ho seguito con molta attenzione le varie mosse della band, ritenendo che, sempre a mio personalissimo avviso, eccetto un “Dance Of Death” non pienamente riuscito, sono sempre riusciti a mantenersi su dei livelli quantomeno accettabili, tirando fuori anche un quasi capolavoro come “A Matter Of Life & Death”. Quindi, potete ben capire, che alle prime reazione strapositive apparse sul web all’ascolto di questo doppio album, non ho potuto fare a meno di buttarmi a scatola chiusa sull’acquisto della versione digibook. Tuttavia, nonostante abbia ascoltato il disco con buona costanza per parecchi mesi, continuo a non esserne pienamente convinto, trovando diversi brani dei filler francamente evitabili, e che forse il buon Bruce avrebbe avuto bisogno di un po’ di tempo in più per rimettersi in forma con la voce. Diventa quindi evidente come questo concerto risultasse anche un modo per chiarirmi maggiormente le idee anche sull’effettiva qualità del disco. Comunque sia, basta chiacchiere e veniamo al concerto. Continua a leggere

INTERVISTA ATOM MADE EARTH – Daniele Polverini

Dopo essersi messi in luce con l’ottimo esordio “Border Of Human Sunset”, gli Atom Made Earth sono da poco tornati a farsi sentire con “Morning Glory”, un album che ne ha confermato tutte le qualità, introducendo anche qualche elemento di discontinuità con il recente passato. Hypnos Webzine è tornata così a tastare il polso della situazione con il sempre disponibile Daniele Polverini, il fondatore della band. Continua a leggere

ASHBRINGER
“Yūgen”

L’anno scorso, proprio in questo periodo, avevo lasciato il progetto Ashbringer alle prese con il non certo facile compito di bissare l’ottima prestazione fornita con il full length di debutto “Vacant”, un lavoro già di per se molto valido che mi faceva ben sperare per il futuro. Anche se sono passati soltanto pochi mesi da quel momento, in questo breve lasso di tempo è avvenuta una rivoluzione, tanto inattesa quanto radicale, che da puro e semplice solo project ha fatto diventare Ashbringer un gruppo a tutti gli effetti, questo grazie all’ingresso in formazione di altri quattro elementi, che sono andati ad affiancare il mastermind Nick Stanger, che ora si occupa solo di chitarra e voce. La curiosità che già di per se avrei nutrito nei confronti di questa seconda fatica della band americana è diventata quindi ancor più forte e ad essa si è inevitabilmente contrapposto il timore che questa drastica scelta avesse, non dico stravolto, ma quantomeno cambiato il perfetto equilibrio che regnava nel debutto. Continua a leggere

ASHES OF NOWHERE
“Emptiness”

Prima di mettermi definitivamente alle spalle le richieste di recensione arrivateci sul finire del 2015, non potevo proprio ignorare questo misterioso terzetto italiano che risponde al nome di Ashes Of Nowhere e che dal nulla se ne esce fuori con questo interessantissimo debutto intitolato “Emptiness”. Sin dalla prima traccia “Empty World”, si intuisce l’elevato potenziale posseduto dalla band, capace di proporre un Black Metal melodico dalla forte ascendenza svedese, con l’ombra dell’ineguagliato “Vittra” che si staglia continuamente durante l’ascolto, ma dal songwriting assolutamente convincente e in cui la melodia dei riff, che costituisce l’elemento fondamentale del loro sound, viene supportata da una produzione a dir poco perfetta. Continua a leggere

ATOM MADE EARTH
“Morning Glory”

Insieme al devastante come-back degli Hate & Merda, questo secondo full length dei marchigiani Atom Made Earth era nella mia personale lista di album imperdibili in uscita nel 2016. Se il duo fiorentino non fallisce la sua missione nichilista e distruttrice, la stessa cosa si può dire del quartetto originario di Castelfidardo, che con il qui presente “Morning Glory” si conferma come uno dei gruppi più interessanti della nostra penisola. Forti di una collaborazione con l’etichetta Red Sound Records e di una produzione praticamente perfetta, in cui compare anche un nome di peso quale James Plotkin (O.L.D. e Khanate) in fase di mastering, gli Atom Made Earth riescono nell’impresa di dare un seguito credibile ma di fatto piuttosto distante dal fantastico debutto “Border Of Human Sunset”. Continua a leggere

AUSTRALASIA
“Notturno”

Fin dalla breve introduzione di “Nebula”, si ha subito la sensazione di entrare in un mondo sonoro dalle tonalità oscure ma non di meno mancante di dettagli e sfavillanti sprazzi di luce e colori. Nella sua terza uscita a firma Australasia col qui presente “Notturno”, il mastermind Gian Spallato si spinge e cimenta nella creazione totale di un proprio universo sonoro, nel quale il Post-Rock, lo Shoegaze e l’Elettronica, per non parlare poi di qualche spruzzata Post-Black che emerge qua e là, vengono plasmati a pieno piacimento del suo autore, al fine di fornire all’ascoltatore una sorta di cammino iniziatico nella mente creativa del compositore stesso. L’assenza quasi totale di parti cantate, fa’ eccezione la stupenda “Invisible” che si avvale di alcuni vocalizzi da parte di Mina Carlucci dei Vostok, unita ad un ampio uso di melodie dall’ampio respiro, possono portare facilmente a sottovalutare parzialmente l’operato di Spallato. Continua a leggere

INTERVISTA ARCANA OPERA – Alexander Wyrd

Con lo splendido “De Noir”, gli Arcana Opera si sono confermati una band che ha fatto dell’ecletticità musicale e dell’estrema cura dei propri testi il proprio biglietto da visita. Non potevamo perciò non andare ulteriormente a fondo nel loro universo andando a tastare il polso della situazione con il leader e vocalist Alexander Wyrd. Continua a leggere

Live Report – AMORPHIS
Orion (Ciampino/Roma) 30/03/2016

Il resoconto di qualche live era un tassello che sicuramente mancava al nostro nostro sito, ma per svariati motivi noi di Hypnos Webzine non siamo assidui frequentatori di concerti. Certo, all’epoca della mia adolescenza e post-adolescenza, ero il tipo che non si perdeva alcun tipo di concerto Metal presente a Roma, ma col passare degli anni la mia presenza a tali eventi è andata sempre più scemando. Tuttavia, dopo aver rivisto ormai un anno fa i Blind Guardian dopo la bellezza di quasi quindici anni, questa volta tocca agli Amorphis, che vidi nel lontano 1998, in un tour di supporto ai My Dying Bride, in tour con “Like The Gods Of The Sun”, ed assieme ai compianti Evereve, al loro debutto discografico con il bellissimo “Seasons”. Continua a leggere

ABBATH
“Abbath”

Se si scrive Immortal ma si legge Abbath e Demonaz, non c’è da stupirsi che quando questo sodalizio artistico ha assunto nuove forme o è venuto meno, i progetti dei suoi interpreti siano stati paragonati a quanto fatto dagli stessi nella band madre. Tralasciando i Bömbers, puro divertissement in stile Möthorhead, è successo con gli I e con l’omonimo progetto di Demonaz ed ovviamente accade ora con l’uscita del debutto ” in solitaria” di Olve Eikemo, che in questa occasione s’è fatto aiutare dall’ex Gorgoroth King Ov Hell al basso e dal già defezionario Kevin Foley, alias Creature, alla batteria. Partiamo però dall’unico punto fisso nonché motore del progetto, quell’Abbath che in questo eponimo debutto riprende il discorso sviluppato dagli Immortal a partire da “At The Heart Of Winter”, lavoro che guarda caso segnava l’inizio della forzata assenza di Demonaz, ma che nel farlo sembra più accontentarsi di coglierne gli stereotipi che non l’essenza profonda. Continua a leggere

ARCANA OPERA
“De Noir”

Sono ormai rassegnato al fatto che nei primi mesi di un nuovo anno saltino fuori lavori di una qualità clamorosa, rimasti fuori dalla top 5 solo per meri motivi temporali. Infatti, se l’anno scorso scovai Solitvdo ed Atom Made Earth, questa volta è toccato ai Funeral Marmoori ed ora agli Arcana Opera. Nati dalla fervida immaginazione del cantautore vicentino Alexander Wyrd con l’intento di creare musica al di fuori di ognii banale catalogazione, ma in grado di dare pieno risalto alla profondità dei suoi testi, dopo aver radunato una seria di musicisti alla causa la band inizia a presentarsi live fin dal 2010 ed a rifinire i propri brani che finiranno poi sul loro primo lavoro autoprodotto intitolato “Quetzalcoatl”. Il debutto suscita diverso interesse e in poco tempo arriva il deal con la Nemeton Records, che licenzia il full length “Arcana Opera” nel 2014 e, nel giugno dello scorso anno, questo nuovo lavoro intitolato “De Noir”. Continua a leggere

ANCIENT SPELL
“Forever In Hell”

Dopo qualche settimana dalla recensione della ristampa di “Ash” del grande Paul Chain, ritorno a parlare della Minotauro Records grazie a questi Ancient Spell, un fangoso quartetto losangelino che giunge con “Forever In Hell” al secondo lavoro sulla lunga distanza nell’arco di pochi anni. Capeggiati dall’imponente vocalist Donnie Marhefka, gli Ancient Spell escono fuori, come detto, dal ribollente underground californiano, proponendoci un Heavy Doom dalle sonorità fortemente retrò emananti uno stordente odore di zolfo. La stessa band non nasconde un amore incondizionato per i Black Sabbath dell’era Ozzy, che in effetti costituiscono la spina dorsale del loro wall-of-sound, basti sentire la pachidermica “Fall Of Humanity” e le sue armonizzazioni di chitarra che richiamano neanche troppo velatamente quelle della mitica “A National Acrobat”. Continua a leggere

ANAMNESI
“Erimanto”

Per parlarvi di Anamnesi, one man band sarda creata da Emanuele Prandoni e giunta con questo “Erimanto” al terzo full length, penso sia prima utile aprire una breve parentesi che spero consentirà d’inquadrare al meglio la release in esame. Pur essendo tutt’altro che un fanatico dell’evoluzione ad ogni costo, anzi è più vero il contrario, il fatto che sempre più gruppi rilascino album fotocopia dovrebbe farvi capire come oramai già da molto tempo mi sia assuefatto all’idea che solo sporadicamente potrò incappare in qualche realtà che abbia qualche cosa da dire al di fuori del già ampiamente sentito, tanto che buona parte delle numerose richieste che ci arrivano le vedi subito che non potranno che essere derivative ed anonime. Continua a leggere

ORVE / A MONUMENTAL BLACK STATUE / EXALTATIO DIABOLI
“A Sinister Allegiance”

Sempre attenti a quello che il panorama italiano ha da offrire, questa volta andiamo a conoscere più da vicino i progetti a nome Orve, A Monumental Black Statue ed Exaltatio Diaboli, per l’occasione fianco a fianco in uno split a tre portato avanti dalla War Command Distro. “A Sinister Allegiance”, questo il titolo scelto per questa uscita, a differenza di molti altri lavori che propongono realtà mutualmente estranee, se non a livello di suoni, quantomeno da un punto di vista puramente geografico, ha dalla sua la volontà di farci conoscere tre realtà umbre accomunate da un background Black Metal interpretato da ognuna di esse in modo abbastanza diverso. Ma andiamo con ordine e partiamo con gli Orve ed i loro sette brani posti in apertura dello spilt. Continua a leggere

AFTER FOREST
“Act I”

Strana mossa davvero quella degli After Forest, band finlandese di tre elementi nata in quel di Vaasa che ha deciso di non pubblicare il proprio full-lenght d’esordio in un’unica uscita discografica, bensì di suddividerlo in tre differenti EP, con “Act I” che rappresenta ovviamente il primo capitolo. Guidati dal chitarrista e cantante Jukka Karppi, i nostri si dicono interessati a mescolare, con mente aperta, il Metal attuale, il Grunge degli anni ’90 e l’immancabile Prog settantiano. Detta così, non suona un granché bene, ma una volta fatto partire questo “Act I”, sono davvero rimasto senza parole. Continua a leggere

APNEICA
“Pulsazioni…Conversione”

Nati inizialmente come un progetto solista del chitarrista Alessandro Seghene, che nel 2011 registrò tutto solo il debutto omonimo, gli Apneica si sono poi allargati fino a diventare una vera e propria band grazie all’arrivo di ben tre nuovi musicisti: la chitarrista Alice Doro, il bassista Francesco Pintore ed il batterista Luigi Cabras. Forti di questa nuova line up, gli Apneica iniziarono a lavorare su dei nuovi pezzi, che portarono la band ad utilizzare la lingua italiana come veicolo espressivo. Divenuta perciò evidente la necessità di trovare un vocalist che portasse in dote, oltre che un growl pieno e potente, anche una voce pulita dai toni caldi ed in grado di trasmettere quella malinconia insita nella musica del gruppo, la scelta alla fine è ricaduta su Ignazio Simula, vocalist nei conterranei Pure Assault. Continua a leggere