DEPICTING ABYSM
“Immersion”

L’ho sempre detto e continuo a ripeterlo, al giorno d’oggi riuscire a risultare personali e comunicativi in ambito Depressive è sfida estremamente difficile da vincere. Infatti, l’estremo proliferare di one-man band casalinghe fatte con lo stampino, unito ad una matrice musicale che difficilmente è riuscita a distaccarsi dal proprio padre putativo Burzum, hanno di fatto affossato uno stile che, a cavallo della prima decade del duemila, aveva portato alla ribalta un modo d’interpretare il Black Metal più intimo e personale. Detto questo, potrei tranquillamente limitarmi a catalogare i Depicting Abysm in questa mia affermazione e chiudere subito la recensione. Tuttavia, non posso permettermi di non far emergere nemmeno quelle piccole intuizioni che rendono la seconda traccia, “Descent”, piuttosto interessante. Ma andiamo con ordine. Continua a leggere