ULVEDHARR
“Ragnarök”

Ricordo ancora che la prima volta che sono incappato negli Ulvedharr, il loro nome unito ad un logo in stile Enslaved mi aveva fatto pensare ad una band Viking, cosa che si rivelò totalmente sbagliata non appena partì la musica. A discapito di questi elementi e di titoli dei brani altrettanto eloquenti, il quartetto italiano si è infatti sempre dedicato ad un Death/Thrash ruvido e potente che assai poco o nulla ha a che spartire con il genere inventato da Quorthon, se non appunto le tematiche. “Ragnarök”, questo il titolo del secondo full length che i nostri hanno pubblicato lo scorso dicembre a poco più di un anno dall’interessante debutto “Swords Of Midgar”, riprende e sviluppa ulteriormente quanto già fatto vedere in quel lavoro, regalandoci otto tracce che tengono incollato l’ascoltatore dall’inizio alla fine, senza lasciare spazio ad alcun momento di stanca o a cali di tensione ma anzi mettendo in luce una discreta varietà compositiva. Continua a leggere