CHIRAL
“Snow//Heritage”

Come già ci aveva anticipato in sede di intervista, Chiral non ha perso tempo ed è subito tornato a farsi sentire con il suo omonimo progetto. Dopo l’eccellente “Night Sky”, ero molto curioso di vedere dove sarebbe andato questa volta a parare l’eclettismo del musicista italiano, quanto mai incline nelle precedenti uscite a mutar anche radicalmente pelle al proprio sound, passando dal ruvido Black/Death degli esordi ad un più raffinato Atmospheric Black Metal di forte ascendenza Cascadian. Questa sua inclinazione al cambiamento viene confermata anche in questo “Snow//Heritage”, un EP di quattro tracce in cui il nostro abbandona in parte le atmosfere del precedente album per concentrarsi su di un approccio più orientato verso una dimensione Neofolk/acustica, pur non dimenticando, come vedremo, le sue radici. L’apertura è infatti affidata ad una cover strumentale di “Sage Moon”, un pezzo degli americani Woman Is The Earth, band che Chiral non fa mistero di adorare, che qui rivive come filtrata attraverso la sensibilità messa in mostra su “Night Sky”. Anche se non nascondo che, a mio modesto parere, le cover starebbero quasi sempre meglio in chiusura di lavoro, devo ammettere che il tentativo di rielaborazione del pezzo riesce molto bene, dando il giusto slancio alla coppia di tracce che maggiormente caratterizzano l’EP. “Now Her Weeping (Soil’s Heritage I)” e “Nowhere The Kingdom Fell (Soil’s Heritage II)” sono infatti due strumentali dominate dalle chitarre acustiche, intente a tessere delicati fraseggi dal sapore malinconico e crepuscolare come insegnato dagli Ulver di “Kveldssanger” e dagli Empyrium o, per rimanere su uscite più recenti, dai progetti Alor ed Evergreen Refuge. In apparenza niente di troppo innovativo, quindi, ma mi sento di dire senza tema di smentita che il mood che riescono ad evocare le rende dei potenzialmente perfetti intermezzi. La chiusura è affidata invece a “Whiteness (The Snow & The Borrowed Lights)”, un brano classicamente Black molto ben congegnato che coniuga influenze della scena est-europea (Drudkh ed Hate Forest o, senza andare troppo indietro, Sivyj Yar) con l’evocatività derivante da un uso mai troppo invadente delle tastiere, assicurandosi la palma di miglior pezzo anche grazie ad un riuscito sbocco verso nuove direzioni da esplorare. Insomma anche questa volta, pur avendo solo quattro brani a disposizione, il progetto Chiral ha messo parecchia carne al fuoco, ripescando qualche elemento del passato ma allo stesso tempo facendo balenare delle possibili evoluzioni per il proprio sound. Capire cosa avrà in serbo per il futuro non è così scontato, ma è difficile non essere fiduciosi verso questa realtà dato che anche con questo “Snow//Heritage” il suo artefice ha dimostrato di avere dalla sua ancora molta ispirazione e parecchie frecce al proprio arco.

BRIEF COMMENT: Soon after “Night Sky”, Chiral is now back with “Snow//Heritage”, a four-track EP in which the italian one man band partially changes its sound, as already done in almost all its previous works. Indeed, despite an instrumental cover of Woman Is The Earth‘s “Sage Moon”, the evolution is guaranteed by two Neoolk/acoustic pieces and by the East-european oriented Black of “Whiteness (The Snow & The Borrowed Lights)”. Although it’s hard to tell what Chiral has in mind for the future, this new release proves that its mastermind has still a lot of inspiration and many cards to play.

Contatti: Sito Ufficiale
Etichetta: Self-released
Anno di pubblicazione: 2016
TRACKLIST: 01. Sage Moon [Woman Is The Earth Cover]; 02. Now Her Weeping (Soil’s Heritage I); 03. Nowhere The Kingdom Fell (Soil’s Heritage II); 04. Whiteness (The Snow & The Borrowed Lights)
Durata: 20:22 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.