EARTH AND PILLARS
“Earth I”

Tra i vari sottogeneri del Black Metal, l’Atmospheric e il Depressive sono quelli che più difficilmente si riescono ad apprezzare ascoltandoli a sprazzi, vuoi per la durata dei pezzi che quasi sempre va ben oltre il minutaggio “classico”, vuoi perché la loro natura richiede di calarsi completamente nel disco per riuscire a carpirne appieno tutte le sensazioni ed emozioni che vuole trasmettere. Una tale constatazione di carattere generale si presta bene anche per descrivere il full length di debutto degli italiani Earth And Pillars, band di cui si conosce poco o nulla se non che tra le sue fila ci sono I al basso, F alla programmazione della batteria e Z ad occuparsi di voce, chitarre e tastiere. Con questo “Earth I” i nostri vanno proprio ad affrontare a viso aperto la sfida più ardua di questo tipo di produzioni, ovverosia riuscire a mantenere vivi l’interesse e l’attenzione dell’ascoltatore pur ricorrendo a pochi brani piuttosto lunghi. Proporre solo quattro pezzi per una durata di quasi un’ora poteva rivelarsi una scelta rischiosa e potenzialmente letale per un gruppo alla prima esperienza, ma per fortuna la bravura del trio e la lungimiranza della Avantgarde ci permettono di poter tranquillamente dire che si è trattato di un azzardo vincente, con gli Earth And Pillars in pieno controllo della materia e abili nel creare visioni di un mondo in cui a farla da padrone è la natura e, in particolar modo, l’acqua. Ascoltando “Earth I” il paragone più semplice, e quasi scontato quando non banale, è quello con i Paysage d’Hiver, ma, a differenza del progetto elvetico, i nostri hanno dalla loro un suono più curato e meno glaciale, cosa che si rivela essere una necessità quasi obbligatoria dato che le tematiche e le sensazioni che vogliono essere evocate sono diverse. Nel gioco dei richiami e dei rimandi si potrebbero scomodare anche gli Ash Borer piuttosto che le atmosfere più eteree di certi lavori dei Wolves In The Throne Room, ma il fatto davvero importante è che con questo debutto il terzetto italiano è riuscito a creare un proprio sound ben definito, ispirato quanto volete dai gruppi già citati e da tanti altri, ma alla fine, ed è questo l’importante, molto personale e riconoscibile grazie al modo in cui viene interpretato. Tenuto conto di ciò e del fatto che l’unico metro veramente valido per valutare la reale bontà di tali uscite è la loro capacità di estraniare l’ascoltatore, non si può far altro che constatare, senza timore di smentita, che “Earth I” è un lavoro maturo e niente affatto scontato che, dal primo all’ultimo minuto, riesce a proiettarci nel suo universo altamente evocativo. Insomma, da qualunque punto di vista lo si voglia vedere, si tratta di un debutto inatteso e sorprendente che pone di diritto gli Earth And Pillars tra le realtà più interessanti del panorama italiano.

BRIEF COMMENT: “Earth I”, debut full length by italian trio Earth And Pillars, is a mesmerizing Atmospheric Black Metal album in which can be found various influences from the masters of the genre (Paysage d’Hiver in primis), all crafted in a personal way thanks to a mature and intense songwriting. Highly recommended.

Contatti: Facebook
Etichetta: Avantgarde Music
Anno di pubblicazione: 2014
TRACKLIST: 01. Earth; 02. Rivers; 03. Lakes; 04. Tides
Durata: 52:13 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.