RITUAL
“The Summoning”

Von, Judas Iscariot, Absu, questi i nomi che per primi mi vengono in mente quando si tratta di parlare di gruppi Black Metal americani attivi nella prima metà degli anni ’90. Da oggi a questa mia lista devo aggiungere anche i Ritual, grazie alla ristampa in vinile da parte dell’italiana Minotauro Records del loro full length d’esordio “The Summoning”. Registrato nel 1994 e pubblicato l’anno successivo sotto l’egida della ormai defunta Wild Rags Records, l’album in questione potrebbe essere definito, ricorrendo ad una metafora spesso fin troppo abusata, ma in questo caso senza timore di smentita, come una perla di rara bellezza che rischiava di rimanere dimenticata nel mare magnum delle uscite che ammorbano e saturano il mercato senza soluzione di continuità. Se mi sbilancio così tanto è perché, a ben vedere, “The Summoning” rappresenta quasi un repertorio di molta parte del Black Metal di là da venire, mostrando brevi scampoli di influenze Thrash alternati a più corpose parti imbastite su fraseggi che strizzano l’occhio a movenze della scuola svedese, non disdegnando anche il ricorso ad inserti atmosferici costruiti su interventi di tastiere. Insomma, la varietà compositiva non manca, e tutto ciò si tramuta, inevitabilmente, in un album che ipnotizza dal primo all’ultimo minuto, lasciando quel retrogusto di madeleine proustiana che, in questo caso, rimanda ad un passato che in verità tale non è, essendo stato preceduto cronologicamente e concettualmente proprio da quest’opera prima dei Ritual. E forse l’effettiva bontà di un simile lavoro sta proprio nel fatto che, pur sentendolo per la prima volta conoscendo già quello che poi sarebbe stato, esso mostra una freschezza ed una longevità invidiabili, caratteristiche queste solitamente ascrivibili soltanto ai capisaldi unanimemente riconosciuti come tali. A testimoniarlo, lusso che solo poche uscite possono permettersi, basta infatti una qualsiasi delle otto tracce più intro, anche se personalmente opterei per la conclusiva “Dark Cathedrals”, forse il pezzo che più e meglio sublima la natura dei Ritual grazie al suo perfetto equilibrio tra atmosfera e velocità, superbamente impreziosito da fugaci fraseggi melodici che elevano il tutto alla ennesima potenza. Insomma, qua c’è veramente ben poco da aggiungere, anche perché finirei per trovarmi a corto di superlativi: “The Summoning” va assolutamente incensato come una delle migliori uscite partorite dalla scena statunitense e non solo. Onore dunque a loro per aver saputo creare un tale capolavoro e un sincero e profondo ringraziamento alla Minotauro Records per averci dato la possibilità di riportarlo alla luce.

BRIEF COMMENT: Published in 1995 surprisingly without drawing the attention deserved, Ritual‘s first full length “The Summoning” is finally reissued by italian label Minotauro Records. Far from being a nostalgic operation, this re-released has the great merit to let us (re)discover a masterpiece of the american Black Metal scene too soon forgotten.

Contatti: Facebook
Etichetta: Wild Rags Records / Minotauro Records (Reissue)
Anno di pubblicazione: 1995 / 2015 (Reissue)
TRACKLIST: 01. Intro; 02. Pagan Warfare ; 03. In The Forest; 04. Visions Of Souls Once Lost; 05. Blood Moon; 06. Journey Into The Frozen Wasteland; 07. Ancient God Of Winter; 08. Hail The Dark Lord; 09. Dark Cathedrals
Durata: 44:45 min.

Autore: Iconoclasta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.