THERION
“Of Darkness….”

Considerati unanimemente un sinonimo di trasformismo musicale ed evoluzione stilistica, i Therion han saputo nel corso della loro carriera incubare il demone Death Metal che stava scuotendo alle fondamenta la gioventù svedese per accostarlo a mondi ben più diversi, quali la classica e l’opera. In questo speciale estivo di Hypnos Webzine cercheremo di esplorare la prima parte della carriera del gruppo, partendo dal primo full length “Of Darkness….”, album ritenuto forse non a torto un’opera minore sia all’interno della discografia della band del chitarrista Christoffer Johnsson che tra i dischi usciti in Svezia nel periodo d’oro del Death Metal. Continua a leggere

FURIOUS BARKING / DESMODUS
“Italian Thrash Relics Vol. 1”

Interessante iniziativa quella portata avanti dalle italiane Rude Awakening Records e DeathStorm Records e che dovrebbe portare alla realizzazione di una serie di split album, intitolati “Italian Thrash Relics”, nei quali verranno ripubblicati una serie di EP o demo di gruppi Thrash italiani attivi alla fine degli anni ottanta/inizio anni novanta ormai introvabili. Una iniziativa che ritengo sia assolutamente lodevole, data la genuinità di una scena come quella italiana in cui molte band non ebbero mai la reale possibilità di poter cogliere quanto seminato. A scontrarsi in questo primo volume sono gli ascolani Furious Barking, che ripresentano in questa nuova veste il loro EP “De-Industrialized” del 1991, e i goriziani Desmodus, dei quali viene riesumato il loro unico lavoro del 1992, “Human Wreck”. Continua a leggere

CARCASS
“Necroticism – Descanting The Insalubrious”

Chiuse le macellerie messicane a nome “Reek Of Putrefaction” e “Symphonies Of Sickness”, con le quali la band inglese aveva aperto le porte del Grind ad un’ampia schiera di band assetate di sangue e frattaglie varie, i Carcass cambiarono le proprie zone di caccia e, sotto le mentite spoglie di rassicuranti uomini di scienza, tornarono ad utilizzare ospedali, obitori e sale operatorie come base dei propri massacri sonori. Assoldato il guitar hero ex-Carnage, Michael Amott, il quartetto capitanato da Bill Sterr diede vita ad uno dei dischi che (forse) più di tutti ha influenzato la storia del Death Metal, “Necroticism – Descanting The Insalubrious”. Continua a leggere

DARKTHRONE
“Soulside Journey”

Prima di diventare tra gli esponenti di spicco della scena Black Metal e di rinnegare, almeno per un certo periodo, il proprio passato, i Darkthrone iniziarono la loro carriera dedicandosi ad un Death Metal ispirato per certi aspetti (per stessa ammissione di Nocturno Culto) a quel “Scream Bloody Gore” dei Death, che già iniziavano a fare scuola. La fortuna di essersi fatti notare dalla Peaceville e di averne strappato un contratto sembrò però improvvisamente tramutarsi in beffa quando giunse il momento della pubblicazione, avvenuta nel gennaio del 1991. Continua a leggere